Carissimi Cheese lovers !
Abbiamo il piacere di presentarvi in anteprima il numero di Gennaio di Storie di Formaggio - Frammenti di vita casearia e dintorni

Segnalaci i tuoi formaggi preferiti a segreteria@gurucomunicazione.it

Scarica la rivista in formato .pdf

Sfoglia la rivista su ISSUU

Seguite e diffondete a tutti i vostri amici "Storie di Formaggio”" ... è gratis ! (e lo sarà sempre)

Luca Olivan, Novella Gioga
e lo Staff Guru Comunicazione
All'interno
Frammenti di vita casearia e dintorni

- In copertina Mimmo La Vecchia e la sua Mozzarella di Bufala Campana

- L'Editoriale di Luca Olivan "In prima pagina le icone del formaggio italiano"

- Report risultati FINALI Premio Italian Cheese Awards
Vincitori di Categoria
Premi Speciali

- Un formaggio per Natale

- Professione CHEESE STORYTELLER

- Il formaggio del cuore

Per vedere l'elenco completo dei vincitori, vai sul sito Italian Cheese Awards .

Vi invitiamo a segnalare alla nostra redazione notizie, foto e curiosità del mondo caseario che ritenete di interesse per tutti gli appassionati di formaggio scrivendo a segreteria@gurucomunicazione.it

Buona lettura!
Le icone del formaggio italiano

L'editoriale

Siamo sempre più convinti che questa è la strada giusta. Lo diciamo da tempo: i formaggi artigianali italiani devono uscire dall’anonimato. Ora tempi sono maturi, quindi ecco la svolta.
Non parleremo più di formaggio, di mozzarella di bufala, di pecorino, di burrata, in senso generico. Ma del formaggio e del suo produttore. Scriveremo dei protagonisti dell’arte casearia artigianale, racconteremo la storia, come nascono i loro prodotti.
I formaggi artigianali, anche se appartengono alla stessa DOP, non sono tutti uguali. Sono prodotti con lo stesso metodo, lo stesso disciplinare, ma le variabili della produzione sono così tante che non sono mai uguali. Sono opere uniche.
La fortuna è proprio questa. L’unicità.
Dietro grandi formaggi ci sono storie uniche. Le cui radici spesso affondano nella vita rurale, non troppo remota, fatta di lavoro eroico e di sacrifici.
Questo mondo artigianale caseario fa parte del patrimonio economico del nostro paese che va protetto e riconosciuto. Molti paesi copiano ed altri copieranno i formaggi italiani, ma non saranno mai come i nostri, gli originali. Sono unici, opere uniche appunto. Abbiamo sentito troppo volte che “il formaggio va valorizzato”. Ma questo termine “valorizzare”, è fin troppo usato. Soprattutto non è seguito da azioni efficaci per arrivare allo scopo di dare valore al formaggio. Prova ne sia che si parla ancora di centesimi del prezzo del latte… Per questi motivi da oggi nella prima pagina del nostro magazine STORIE DI FORMAGGIO ci sarà un personaggio simbolo di un formaggio o di una tradizione casearia. Daremo attraverso i ns. media, social e le manifestazioni casearie il nostro contributo per far uscire il formaggio dall’ anonimato.
Per “valorizzare” bisogna riconoscere, soprattutto far onoscere acconto al formaggio il nome ed il volto di chilo produce.
Pensate cosa sarebbe il cabernet sauvignon di Bolgheri senza il brand Sassicaia? Il nebbiolo prodotto nelle Langhe senza il brand Monfortino di Giacomo Conterno? Se ci è consentito il paragone con il vino, il mondo caseario artigianale è ancora all’epoca del vino sfuso. Si vende “formaggio” come una volta si vendeva il “vino” sfuso.
Certo, ancora oggi si vende il vino sfuso, e si venderà sicuramente ancora domani “formaggio” per uso quotidiano ed in cucina. La questione è che non si sono sviluppati “brand riconoscibili” di formaggio artigianale dagli appassionati e tanto meno dal grande pubblico.
In conclusione il “formaggio” ha bisogno di essere conosciuto e riconosciuto. Ecco perché abbiamo messo per la prima volta “in copertina” un casaro.
Luca Olivan e la Redazione di Storie di Formaggio









www.formaggioinvilla.it


Tutte le edizioni di Storie Di Formaggio su ISSUU


Un'iniziativa Guru Comunicazione - segreteria@gurucomunicazione.it - C.F. Partita IVA 05173160283 | Legal Notes | Powered by Bettiolo.comettiolo.com